Comunicazioni Salute

SOSPESA LA SOMMINISTRAZIONE DEL VACCINO ASTRAZENECA

COMUNICATO STAMPA DELL’AIFA:

L’AIFA ha deciso di estendere in via del tutto precauzionale e temporanea, in attesa dei pronunciamenti dell’EMA, il divieto di utilizzo del vaccino AstraZeneca Covid19 su tutto il territorio nazionale. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei.

Ulteriori approfondimenti sono attualmente in corso. L’AIFA, in coordinamento con EMA e gli altri Paesi europei, valuterà congiuntamente tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione.

https://www.aifa.gov.it/documents/20142/0/Comunicato_AIFA_n.637+%281%29.pdf/a89d5ddd-bf63-3a76-6704-e212f580265a Questo il link per leggere il Comunicato Ufficiale messo a disposizione di tutti sul sito dell’AIFA.

Tutto si è svolto ieri. In attesa del pronunciamento e delle valutazioni dell’EMA, l’AIFA ha deciso per il blocco delle Vaccinazioni ASTRA ZENECA.

È stata sicuramente una giornata lunga e difficile per tutte le componenti e soprattutto per il Ministro della Salute Speranza che ha detta di tutti i TG è stato in continuo contatto con i suoi omologhi degli altri Stati UE.

Nel Pomeriggio si diffonde la notizia che oltre all’Italia hanno deciso per l’interruzione della somministrazione del vaccino sono anche Germania, Francia, Spagna, Portogallo, Slovenia e Cipro. Gli altri paesi UE sono in attesa di sviluppi.

Ma perché si è arrivati a tale decisione?

Ieri il DG dell’AIFA ha spiegato ai microfoni di Lilli Gruber che si tratta di una “decisione politica di coerenza con vari paesi della UE. Il vaccino è sicuro e questi giorni ci servono per avere ulteriori dati e convincere tutti della sicurezza del vaccino”

Vi riportiamo uno stralcio preso dal “Vademecum” dell’AIFA che troverete in versione integrale al link https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1297852/domande_risposte_vaccini_COVID.pdf/141013bd-23dc-ebb0-3730-0d687cd561f3 con gli effetti collaterali dei 3 Vaccini ad oggi disponibili in Italia.

VACCINO PFIZER: Quali reazioni avverse sono state osservate nel corso degli studi sperimentali?

Le reazioni avverse osservate più frequentemente (più di 1 persona su 10) nello studio sul vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) sono stati in genere di entità lieve o moderata e si sono risolte entro pochi giorni dalla vaccinazione. Tra queste figuravano dolore e gonfiore nel sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolore ai muscoli e alle articolazioni, brividi e febbre. Arrossamento nel sito di iniezione e nausea si sono verificati in meno di 1 persona su 10. Prurito nel sito di iniezione, dolore agli arti, ingrossamento dei linfonodi, difficoltà ad addormentarsi e sensazione di malessere sono stati effetti non comuni, che hanno interessato meno di 1 persona su 100. Debolezza nei muscoli di un lato del viso (paralisi facciale periferica acuta) si è verificata raramente, in meno di 1 persona su 1000. 13 Versione del 15 marzo 2021. Verifica eventuali aggiornamenti sul sito AIFA: https://www.aifa.gov.it/domande-e-risposte-su-vaccini-covid19

Quali reazioni avverse gravi sono state osservate durante la sperimentazione? L’unica reazione avversa severa più frequente nei vaccinati che nel gruppo placebo è stato l’ingrossamento delle ghiandole linfatiche. Si tratta, comunque, di una patologia benigna che guarisce da sola. In generale, le reazioni sistemiche sono state più frequenti e pronunciate dopo la seconda dose. Nei Paesi dove è già stata avviata la somministrazione di massa del vaccino sono cominciate anche le segnalazioni delle reazioni avverse, da quelle meno gravi a quelle più significative, comprese le reazioni allergiche. Tutti i Paesi che avviano la somministrazione del vaccino estesa a tutta la popolazione stanno raccogliendo e valutando ogni segnalazione pervenuta al sistema di farmacovigilanza delle reazioni averse al vaccino, così da poter definire con sempre maggior precisione il tipo di profilo di rischio legato alla vaccinazione.

VACCINO MODERNA: Quali reazioni avverse sono state osservate nel corso degli studi sperimentali?

Gli effetti indesiderati più comuni sono stati dolore nel sito di iniezione (92%), affaticamento (70%), mal di testa (64,7%), dolori muscolari (61,5%), brividi (45,4%), nausea/vomito (23%), ingrossamento delle ghiandole linfatiche nello stesso braccio dell’iniezione (19,8%), febbre (15,5%), gonfiore (14,7%) e arrossamento (10%) nel sito di iniezione. Le reazioni sono state generalmente di intensità lieve o moderata e si sono risolte entro pochi giorni dalla vaccinazione. Le reazioni sono state più frequenti dopo la seconda dose e nei partecipanti più giovani tra i 18 e i 65 anni, rispetto ai partecipanti di età superiore ai 65 anni.

Quali reazioni avverse gravi sono state osservate durante la sperimentazione? La frequenza degli eventi avversi più severi è stata comparabile tra il gruppo di controllo (1,3%) e quello che ha ricevuto il vaccino (1,5%). In meno dello 0,5% dei casi, in entrambi i gruppi, gli eventi avversi sono stati tali da impedire la somministrazione della seconda dose. Non si registrano casi di patologie respiratorie associate al vaccino.

VACCINO ASTRAZENECA: Quali reazioni avverse sono state osservate nel corso degli studi sperimentali? La maggior parte delle reazioni avverse segnalate è stata di severità lieve o moderata e solitamente gli eventi si sono risolti entro pochi giorni dalla vaccinazione. Rispetto a quanto osservato nei partecipanti più giovani, reazioni avverse, che sono comunemente previste con la somministrazione di un vaccino, sono state generalmente meno frequenti e più lievi nei partecipanti con più di 65 anni.

 Quali reazioni avverse gravi sono state osservate nel corso degli studi sperimentali? Negli studi clinici le reazioni avverse gravi dopo somministrazione di COVID-19 Vaccine AstraZeneca sono state molto rare.

Ma allora…le vittime degli ultimi giorni sono decedute a causa del Vaccino o no?