Comunicazioni Salute

CAMBIA ANCORA LA MAPPA DELL’ITALIA

L’Italia si colora sempre più di Rosso e Arancione. Secondo i dati dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) l’ormai famoso Indice RT è tornato – dopo due mesi – aldilà della soglia di emergenza sfondando il muro dell’1. Infatti la media nazionale è 1.06.

Sappiamo che l’indice RT è il dato principale per stabilire il colore delle Regioni e la variazione cromatica riflette il peggioramento della situazione in Italia.

La Campania passa in Rosso, mentre diventano arancioni Veneto e Friuli Venezia Giulia. Resta arancione l’Emilia Romagna che però adotta ordinanze restrittive con mini zone rosse e arancione scuro.

La Lombardia è già in zona arancione rafforzata mentre il Piemonte resta arancione ma anche qui ci sono mini zone rosse e si valutano nuove  chiusure delle scuole.

E’ fori di dubbio che i dati di contagio stanno subendo una preoccupante impennata e con essi anche i dati sulle Terapie Intensive e i ricoveri.

In tutti i TG vediamo le testimonianze sulla situazione drammatica delle Ambulanze che vanno a prendere i malati a domicilio ma poi trovano grandissime difficoltà nel lasciare i pazienti nei Pronto Soccorso o nei Centri Covid per mancanza di posti. Pazienti che restano per ore e in alcuni (per fortuna rari) casi addirittura giorni all’interno dell’Ambulanza.

Come detto le variazioni di colore  vedono molti passaggi nelle zone Arancione e Rosse, ma anche le Regioni che restano gialle adottano misure più restrittive. Ad esempio in Liguria il Presidente Toti ha stabilito che per le prossime 2 settimane le Scuole Superiori non effettueranno più lezioni in presenza ma si passerà al 100% di DAD. Resta Bianca la sola Sardegna.

Anche il nostro Lazio con un indice RT di 0.99 ha rischiato fino all’ultimo secondo di passare in Arancione. Siamo rimasti Gialli, ma ad esempio la Prov. di Frosinone è rossa vista l’impennata di dati soprattutto della Variante Inglese e Brasiliana con vari focolai.

Nel frattempo ci sono le dichiarazioni del Ministro Speranza che dichiara che è fiducioso che entro l’estate tutta la popolazione sarà vaccinata e non chiude la porta in faccia al Vaccino Russo Sputnik (previo i dovuti controlli di efficacia e non dannosità).

In ogni caso da oggi 8 marzo sono in vigore le nuove colorazioni e come sempre invitiamo tutti alla massima attenzione e a rispettare l’utilizzo di Mascherine e Norme Igieniche.